Novità

14.04.2020

Il rimpatriato

Nome: Ratko Spasov
Professione: capocantiere edile / direttore di filiale Rotkreuz, membro della direzione della regione Svizzera centrale

Ratko, hai un background speciale alla Cellere. Raccontacelo:
Nell’aprile 2011 ho iniziato il mio anno di tirocinio durante la mia formazione di capocantiere edile. Dal 2013 fino all’inizio del 2016 ho lavorato per Cellere come caposquadra edile, dopo di che ho trascorso circa due anni in un’azienda concorrente dove ho completato il mio apprendistato come costruttore di strade. Nel 2018 sono poi tornato a Cellere e ora lavoro nella filiale di Rotkreuz. Dal novembre 2019 sono responsabile di una regione che comprende i Cantoni di Zugo, Lucerna, Zurigo, Uri, Svitto, Nidvaldo e Obvaldo.

Sembra un grande bacino di utenza …
Sì, è così. Per esempio, attualmente abbiamo un ordine ad Andermatt UR e uno ad Adliswil ZH. Sono lunghe distanze. Siamo attivi in diverse regioni.

Cosa comporta il lavoro di un caposquadra?
I nostri capisquadra ed io supervisioniamo i nostri cantieri. Accompagno il mio team alle riunioni di avvio e alle prove di collaudo e fornisco loro un supporto continuo nei loro cantieri.

Il contatto con il cliente è molto importante nel mio lavoro. Cerco di esaudire il maggior numero possibile di desideri e di condividere con loro un vivace scambio. Per me è molto importante soddisfare personalmente i clienti con il risultato finale.

Oltre a queste attività, sono anche responsabile della gestione operativa del personale di Rotkreuz e mi occupo della segreteria. A Rotkreuz abbiamo circa 45 dipendenti, compreso il personale temporaneo, di cui sono anche responsabile. Inoltre aiuto sempre di più nella procedura di gara d’appalto.

Cosa ti piace del tuo lavoro?
La diversità. Sono in contatto con persone diverse ogni giorno e non sono due giorni uguali. Mi piace quando i cantieri sono finiti e vedo cosa abbiamo ottenuto. Poi il “crampo” delle settimane precedenti viene immediatamente dimenticato….

Che significa?
Siamo in concorrenza con altre aziende. In questo contesto, la pressione sui prezzi è spesso evidente. Personalmente, per me è importante che le offerte siano eque e chiare – in modo che sappiate cosa dovete calcolare e che non ci siano malintesi durante l’esecuzione.

A proposito di soddisfazione: quanto è soddisfatto del suo attuale datore di lavoro?
Molto, naturalmente. La Cellere Bau AG è un’azienda familiare con una lunga tradizione. Il modo in cui ci trattiamo l’un l’altro è molto piacevole e rispettoso. Grazie alle dimensioni dell’azienda, abbiamo una vasta gamma di lavoro qui e mi piace molto. Apprezzo anche la fiducia che l’azienda ha riposto in me, soprattutto per quanto riguarda la mia nuova posizione. E soprattutto la nuova costellazione di gestione con Urs Neff e Hanspeter Andreoli al mio fianco – posso trarne grande beneficio.

E cosa fai quando non lavori come caposquadra?
Passo molto tempo con mia moglie e i miei figli. Vorrei anche viaggiare di nuovo. L’esperienza di nuove culture e la scoperta di paesi mi ha sempre affascinato.

La vostra prossima destinazione di viaggio?
Mi piacerebbe viaggiare nelle Filippine con la mia famiglia. Preferibilmente per un mese intero per trascorrere il prossimo inverno al sole e ricaricare le batterie.

Intervista: Carla Loop



Ritorna